Huawei Mate 8: display da 6″ e processore HiSilicon kirin 950, 3/32 Gb – 4/64 Gb e 4/128 Gb le versioni disponibili.

Huawei_Mate_8_webeats

Il Huawei Mate 8 è il nuovo phablet top di gamma presentato da Huawei nel corso della giornata evento tenutasi oggi 26 Novenbre in Cina, durante la quale Huawei ha reso noti alcuni aspetti che andranno a caratterizzare il Huawei Mate 8.

Come si è potuto evincere nel corso di questa giornata evento, il Huawei Mate 8 integra delle innovazioni tecnologiche davvero eccezionali, che a nostro avviso faranno di questo device un vero e proprio Bestbuy, complice anche la pregevolezza dei materiali e del design, come ormai Huawei ci ha insegnato ad apprezzare sui suoi dispositivi.

images (4)

Il noto marchio cinese Huawei è uno dei pochi produttori asiatici ad aver scelto di investire, oltre che sul mercato nazionale, anche su quello europeo ed internazionale, scelta, quest’ultima, che gli ha valso un indiscusso successo fra gli utenti di tutto il mondo.

Il Huawei Mate 8 va a sostituire, cronologicamente parlando, il già ottimo device che prende il nome di Huawei Mate 7, e il frutto della sua evoluzione denominato Huawei Mate S (del quale abbiamo già parlato in questo articolo).

Queste le specifiche principali presenti a bordo del Huawei Mate 8, che poi andremo ad analizzare più nel dettaglio:

  • DISPLAY: 6″ 2.5D Full HD (IPS LCD 1080 x 1920 pixel)
  • CPU: HiSilicon Kirin 950 octa-core (4xCortex-A72 2.3Ghz e 4xCortex-A53 1.8Ghz) + un sigle core co-processore i5
  • GPU: Mali-T880MP4 (900 Mhz)
  • ROM: 32/64-128 Gb
  • RAM: 3/4 Gb
  • BATTERIA: 4.000 mAh
  • FOTOCAMERA PRINCIPALE: 16MP Sony IMX298  con apertura f/2.0
  • FOTOCAMERA ANTERIORE: 8MP Sony IMX179 con apertura f/2.4
  • DIMENSIONI:
  • PESO:
  • CONNETTIVITA’: Wi-Fi, Bluetooth 4.0, LTE Cat.6, GPS, NFC
  • SISTEMA OPERATIVO: EMUI 4.0 basata su Android 6.0 Marshmallow
  • sensore biometrico per rilevare impronte digitali

Il Huawei Mate 8 è un dispositivo che si va a collocare, prepotentemente, nella fascia alta degli smartphone (più correttamente phablet). A dimostrazione di quanto detto, nella costruzione di questo Mate 8 la Huawei ha usato materiali nobili, quali appunto l’alluminio, che ricopre l’intera scocca posteriore, così come sono di alluminio anche i bordi, fino addirittura a comprendere con lo stesso materiale anche parte della fotocamera posteriore, regalando così un colpo d’occhio davvero notevole.

il Display è un’unità da 6″ 2.5 D, lievemente incurvato ai bordi, con tecnologia IPS LCD e risoluzione Full HD (1080 x 1920 pixel 490 ppi) e,  almeno stando alle prime immagini Live, sembra avere una buona luminosità. Si fa notare però la presenza di cornici che circondano il display stesso, dunque non ci troviamo sicuramente di fronte ad uno schermo borderless. Altra pecca è la mancanza della possibilità di girare video in 4k (dettaglio, questo, che lo posiziona ad un gradino inferiore rispetto ai diretti concorrenti). Perciò diciamo che da questo punto di vista si poteva fare di più.

Presente anche un lettore di impronte digitali, posto sul retro proprio sotto la fotocamera principale. Gli speaker sono collocati sul lato inferiore del device. Dal lato multimediale abbiamo una fotocamera principale da 16MP Sony IMX298  con apertura f/2.0, ed una frontale da 8MP Sony IMX179 con apertura f/2.4.

id473891Il potente processore che muove questo Huawei Mate 8 è l’HiSilicon Kirin 950 octa-core con tecnologia ARM, composto da 4 core Cortex-A72 a 2.3Ghz e 4 core Cortex-A53 a 1.8Ghz ( 89000 punti nel test Antutu), che viene affiancato da un un co-processore i5 sigle core, il quale, rimanendo sempre attivo, svolgerà la funzione di gestire i vari sensori presenti sul Mate 8, e  farà risparmiare energia regolando la potenza espressa dai core del Kirin 950. Ad accompagnare il processore troviamo poi la nuova GPU Mali-T880MP4 con clock a 900 Mhz, prodotta da ARM, che promette delle prestazioni grafiche superiori dell’80% e consumi di circa il 40% inferiori rispetto alle precedenti. Il Mate 8 è dotato poi di una batteria di ben 4000 Mah, che assicura una autonomia sicuramente al di sopra della sufficienza, vista anche la buona gestione della batteria che altri prodotti Huawei hanno dimostrato di avere.

id474131

Il reparto connettività si compone di un modulo dual sim 4g (per usufruire del quale però sarà necessario rinunciare all’espansione di memoria, in quanto il relativo modulo è condiviso con quello della seconda SIM). Presenti poi Wi-Fi, Bluetooth 4.0, LTE Cat.6, GPS, NFC.

Le differenti versioni si distinguono tra loro per il quantitativo di memoria interna e la RAM disponibile. Avremo infatti una unità con 32 Gb di memoria interna e 3Gb di RAM, una da 64 Gb di memoria interna e 4Gb di RAM ed infine una da 128 Gb di memoria interna con 4Gb di RAM.

Interessante sarà poi valutare la stabilità del nuovo sistema operativo, presentato per la prima volta proprio oggi a bordo di Huawei Mate 8: parliamo dell’ EMUI 4.0, basato su Android Marshmallow 6.0.

Inizialmente il Mate 8 sarà destinato al solo mercato cinese e, come è stato reso noto, le colorazioni disponibili saranno Space Gray, Mocha Brown, Champagne Gold e Moonlight Silver. Se ne prevede la distribuzione  nel primo trimestre del 2016 in Cina. Per quel che riguarda il prezzo di lancio sarà, per la versione 3/32 Gb, di 2.999-3.199 yuan (circa 442-472€), a seconda del tipo di connettività, e per quella da 4/64-128 Gb, di 3.699 e 4.399 yuan (circa 546 e 649 €), in relazione alla quantità di memoria interna.

Per maggiori informazioni su quella che sarà la data di distribuzione nel mercato internazionale, bisognerà attendere il prossimo gennaio al CES di Las Vegas, durante il quale si spera che l’azienda sveli ulteriori dettagli in merito. Seguiranno aggiornamenti.

Se avete apprezzato questo articolo vi invitiamo a lasciare un commento.

 

 

Articolo precedenteCordova: multitasking Slide Over e Split View con iOS 9.x
Articolo successivoPrestaShop 1.6.1.3 disponibile, changelog & download link
Da sempre appassionato di tecnologia, negli ultimi tempi mi sono avvicinato con interesse al mondo dei cinafonini.